Opera

Armida

dramma per musica in 3 atti
Compositore:
Anfossi Pasquale (05/04/1727 - 02/1797)
Librettista:
Durandi Jacopo (25/07/1737 - 28/10/1817)
Prima rappr.:
Torino, Teatro Regio: 27/01/1770
Macrogenere:
melodramma
Lingua:
italiano

Ambientazione

La scena si finge in Damasco e nelle sue vicinanze. Il tempo è il giorno dell'arrivo di Ubaldo. L'azione è l'abbandonamento di Armida per la fuga di Rinaldo.

Personaggi

N.PersonaggioQualifica personaggio Ruolo vocale
1 Armida principessa di Damasco, amante di Rinaldo [non indicato]
2 Rinaldo principe italiano [non indicato]
3 Ubaldo uno dei capitani dell'armata di Gottofredo [non indicato]
4 Idreno re di Damasco e zio di Armida [non indicato]
5 Zelmira figlia del sultano d'Egitto destinata sposa ad Idreno [non indicato]
6 Clotarco principe di Dania, compagno di Ubaldo, amante di Zelmira [non indicato]

Quadri scenici

Atto primo

1.1 scena 1 - Gran sala nella reggia di Damasco
Gran sala nella reggia di Damasco ornata di trofei militari, destinata per le adunanze del real Consiglio, illuminata in tempo di notte; trono da un lato con gradinata ricoperta di ricchi tappeti, cuscini all'intorno per li Satrapi.

1.2 scena 5 - Luogo nelle vicinanze di Damasco
Luogo nelle vicinanze di Damasco, in cui sorge un alto monte ricoperto di ghiaccio e di neve, con dirupi sul davanti. Lungo la sua difficile, e disastrosa salita vi sono sparse diverse e robuste piante tutte biancheggianti di neve. Il tempo è nell'aurora.

1.3 scena 9 - Atrio a musaico corrispondente al giardino
Atrio a musaico corrispondente al giardino di Armida: in prospetto la gran porta del medesimo costrutta d'argento, effigiata a bassi rilievi con cardini, e cornici dorate: da una parte fonte composto di gruppi di fiumane, che dalle loro urne scaturiscono limpide acque.

Atto secondo

2.1 scena 1 - Ricchissimo gabinetto nel palazzo reale
Ricchissimo gabinetto nel palazzo reale, ornato di porcellane, d'oro, e argento, di rubini, smeraldi, e di altre gemme.

2.2 scena 6 - Amenissimo giardino
Amenissimo giardino con viali, e cespugli di fiori, diversi alberi fruttiferi, fontane, statue d'alabastro, e di bronzo, e sedili di verdura allo intorno. Grande scala in prospetto, e in maggior lontananza scopresi l'intreccio de' suddetti viali il magnifico real palazzo.

2.3 scena 13 - Accampamento
Accampamento degli Europei in vicinanza di Damasco, dove i fanti sono schierati, e attendati sul colle, e la cavalleria nel piano. Veduta di una parte della città.

Atto terzo

3.1 scena 1 - Sotterranea illuminata
Sotterranea illuminata da lampade a diversi lumi con all'intorno tutti gli strumenti, e i simboli della magia, e dell'arte divinatoria. Ara di pietra nel mezzo dedicata ai dei inferi.

3.2 scena 4 - Cortile nel palazzo reale
Cortile nel palazzo reale.

3.3 scena 11 - Magnifico palazzo
Magnifico palazzo di Armida, che poi rovina, e si trasforma in una deserta campagna, nella quale si veggono parecchi mostri.

Rappresentazioni

DataLuogo ed EdificioTitoloGenereRappresentazione
27/01/1770 Torino, Teatro Regio Armida dramma per musica prima assoluta

Libretti

AnnoTitoloEdizioneLuogo ed Editore
[1770] L' *Armidaprima edizione assoluta Torino, Stamperia Mairesse, a spese di Onorato Derossi

Bibliografia